Sostituzione Protesi Mammaria

La guida alla Sostituzione delle Protesi Mammarie ha lo scopo di fornire tutte le NOVITA’ riguardanti le caratteristiche ed i rischi connessi all’intervento di SOSTITUZIONE PROTESI MAMMARIE CON CAPSULECTOMIA /CAPSULOTOMIA CON O SENZA MASTOPESSI.

Le suggeriamo di leggere con molta attenzione quanto contenuto nel seguente documento di Sostituzione Protesi Mammarie, che costituisce il consenso
informato. La invitiamo a discutere con il chirurgo tutti i punti del consenso e di chiedere spiegazione di ogni termine che non le fosse chiaro. Sarà Consapevole e Informata.   Solamente dopo aver chiarito ogni minimo dubbio con il chirurgo e aver ben compreso le informazioni ricevute in merito all’intervento di Sostituzione Protesi Mammarie a cui desidera sottoporsi, potrà eseguire la procedura chirurgica. 

Lo finalità di questo intervento è di sostituire le protesi attualmente presenti e precedentemente impiantate, e inoltre per migliorare l’esito del precedente intervento. A questo intervento può essere abbinato una mastopessi per sollevare il seno quando sia presente una ptosi o se si vuole una riduzione o un aumento della taglia. Questo intervento non è indicato se: 

  • ha infezioni in corso.
  • se è incinta o sta allattando e non ha sospeso l’allattamento da almeno tre mesi. 
  • ha deficienze immunitarie gravi o in terapia con farmaci che possano interferire con la coagulazione o con la guarigione delle ferite e/o sottoposte a radioterapia. 

SOSTITUZIONE PROTESI MAMMARIE.

L’intervento chirurgico di Sostituzione Protesi Mammarie è chiamato Mastoplastica di Revisione delle Protesi o Mastoplastica Secondaria.

Riguardo alla Tecnica, questa, è paragonabile a quella della Mastoplastica Additiva. Così come il decorso post-operatorio.

 

COME AVVIENE L’INTERVENTO.

L’intervento chirurgico per la sostituzione delle protesi mammarie dura circa 1 ora. Prevede un’anestesia generale o meglio una sedazione profonda. Il ricovero in Clinica avviene in Day-Hospital con dimissione verso le ore 18/19.

Quando la Sostituzione delle Protesi Mammarie fosse dovuta ad una CONTRATTURA CAPSULRE, il tessuto cicatriziale viene rimosso insieme alla Protesi. Eliminando qualsiasi evenienza relativa alla CAPSULA (CAPSULECTOMIA/CAPSULOTOMIA). Così da permettere un nuovo impianto protesico.

 

LA RIMOZIONE DELLA PROTESI MAMMARIA è necessaria quando vi sia:

-una CONTRATTURA CAPSULARE.

-una ROTTURA della Protesi.

-una PTOSI o abbassamento del Seno.

-una Deformazione delle mammelle.

-un’Infezione cronica delle mammelle.

-per Aumentare il Volume.

-per Diminuire il Volume.

 

VI SONO CASI IN CUI LA PROTESI VA SOSTITUITA URGENTEMENTE:

ROTTURA DELLA PROTESI.

CONTRATTURA CAPSULARE.

 

La ROTTURA delle Protesi, talvolta può avvenire in seguito a Incidenti Stradali, Cadute Accidentali, Lesioni Sportive. Le attuali protesi al Gel di Silicone Coesivo, normalmente non si rompono, in quanto riempite di una gelatina solida e ricoperta da 3 involucri esterni che ne impediscono la dispersione. Quando però l’involucro esterno sia compromesso o danneggiato, la Sostituzione delle Protesi Mammarie va effettuata, per evitare complicanze.

 

La CONTRATTURA capsulare. L’organismo circonda la protesi mammaria con una Capsula di Tessuto cicatriziale che è normalmente morbida. Consiste in una pellicola fibrosa, intorno alla protesi, che avvolge l’impianto protesico, lungo le pareti dove è posizionata. Questa membrana che circonda le protesi è più aderente nel caso di protesi testurizzate o di poliuretano rispetto alle Protesi Lisce (ques’ultime, attualmente le uniche usate). La capsula svolge un’azione protettiva, in quanto isola le protesi dal resto dell’organismo. Riduce inoltre la tendenza dell’impianto protesico a migrare verso il basso. In caso di Rottura, la densa barriera costituita da questa membrana impedisce al gel coesivo di diffondersi nei tessuti limitrofi.

Talvolta può accadere che le capsule peri-protesiche STRINGANO le protesi fino a far diventare queste capsule, spesse, dure e deformi. Questa evenienza viene definita CONTRATTURA CAPSULARE. Potrebbe essere necessario sostituire le protesi mammarie.

 

LE PROTESI.

Le vecchie Protesi utilizzate nella Mastoplastica Additiva erano diverse dalle attuali, sia per il materiale utilizzato che per la loro realizzazione, con aspetto esterno artificiale.

Le Protesi attualmente utilizzate hanno una sensazione simile alla mammella. Una sensazione al tatto morbida e vellutata. Un Gel Coesivo all’interno. Una superfice liscia. Con risultati naturali.

 

RICAPITOLIAMO: QUANDO SOSTITUIRE LE PROTESI.

-CONTRATTURA CAPSULARE DI GRADO ELEVATO.

-ROTTURA DELLA PROTESI.

-SPOSTAMENTO DELLA PROTESI.

-PTOSI PROTESICA.

-ASIMMETRIA DELLE MAMMELLE.

-AUMENTARE IL VOLUME.

-DIMINUIRE IL VOLUME.

-INTERVENTO ESEGUITO MOLTI ANNI FA.

 

VA COMUNQUE SEGNALATO CHE QUANDO VI SIA UNA ROTTURA DELLA PROTESI O UNA CONTRATTURA DI GRADO ELEVATO, ANCHE SE LA PAZIENTE NON CORRE ALCUN PERICOLO IMMEDIATO, E’ COMUNQUE NECESSARIO PROVVEDERE ALLA SOSTITUZIONE DELLE PROTESI.

 

Ricordiamo che le attuali Protesi non hanno una vera e propria scadenza temporale. Se le Protesi non presentano problemi all’Ecografia Mammaria o alla RSM non vanno sostituite. Si consiglia a tutte le Pazienti di effettuare una Ecografia o una Risonanza Magnetica, una volta l’anno. Il Chirurgo potrà così valutare lo stato delle protesi, se sono ancora in buone condizioni oppure se è consigliabile una sostituzione delle protesi mammarie.

Il rischio di rottura delle protesi è molto raro. Le protesi di ultima generazione, come abbiamo già accennato, sono in gel di silicone coesivo, di consistenza compatta, rivestite e rinforzate esternamente da 3 membrane. l’Ecografista certificherà nell’Ecografia Mammaria la loro integrità.

Tutte le Protesi hanno una garanzia contro la Rottura.

 

E’ possibile richiedere un FINANZIAMENTO per l’intervento di sostituzione protesi mammarie.

Nostri Partner nei finanziamenti sono CLUBMEDICI/CONSEL/BANCASELLA. E’ sufficiente chiedere al Chirurgo le modalità di accesso.

 

VUOI SAPERNE DI PIU’?

Scarica la Guida Completa alla sostituzione della protesi mammaria

Loading...